Arte Ultima

10.66

Di Vitaldo Conte

Categoria:

Descrizione

Vitaldo Conte sintetizza molte delle sue riflessioni critiche, attraversando principalmente due suoi noti libri – Dispersione (2000) e Pulsional Gender Art (2011) –, ma anche interviste-colloqui scritti su riviste e pubblicazioni collettive. Le poetiche e visioni dell’Arte Ultima, che tendono a cancellare i confini tra evento, espressione, esistenza, fluiscono “oltre ogni genere”. Possono costituire anche un possibile estremo (ultimo?) testo di teoria, che l’autore fa oscillare fra gli “sguardi” del pulsional ritual virtual. Come scrive Kafka: «Da un certo punto in poi non c’è più ritorno. È questo il punto da raggiungere».

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Arte Ultima”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *